giovedì 23 aprile 2020

Zombieland - Doppio colpo


Era il lontano 2009 quando usciva al cinema Benvenuti a Zombieland, il 2018 quando riuscivo a vederlo io. Uno zombiemovie insolito, con degli zombie fatti come si deve, ma una comicità che soverchia l'horror e una serie di personaggi azzeccatissimi, tutti perfettamente interpretati, che si rivelano essere l'anima della pellicola. Pellicola che, a dir la verità, soffre un po' per la mancanza di una trama solida, rivelandosi più un insieme di episodi destinati a mettere in luce le caratteristiche dei personaggi, piuttosto che una storia vera e propria. Ma comunque il lavoro di Ruben Fleischer rappresenta una notevole ventata di novità in un panorama, quello dei film sugli zombie, nel quale è difficile fare qualcosa di nuovo.

martedì 14 aprile 2020

Singularity


Singularity è una pellicola di produzione americana e svizzera del 2013 del regista Robert Kouba, poi rivisto e integrato con l'aggiunta di un nuovo personaggio nella sua versione definitiva uscita nel 2017.
Si trattava di un film a bassissimo budget, il cui titolo iniziale doveva essere Aurora. Poi fu inserito il personaggio interpretato da John Cusack e fu fatto interagire solamente con un altro attore, Carmen Argenziano, con l'aggiunta di diversi effetti in CGI. Il budget totale, comunque, non ha superato i 100 mila dollari. 
Ma andiamo con ordine e partiamo dalla trama.
Elias Van Dorne (John Cusack) è il CEO della VA Industries, leader mondiale nella robotica, potentissima azienda che ha diffuso in tutto il mondo i suoi robot.

giovedì 9 aprile 2020

Leonardo da Vinci. Il rinascimento dei morti


Chi conosce Orgoglio e pregiudizio zombie alzi la mano.
Si tratta di un romanzo del 2009 scritto da Seth Grahame-Smith che ha ripreso il più celebre Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen del 1813 e l'ha riscritto ipotizzando che le stesse vicende si siano svolte in un mondo immaginario uguale a quello della Austen, ma... con gli zombie.
Fu un interessante esperimento, proposto all'autore da una casa editrice e ne fu tratto anche un film, nel 2016.
Ora, grazie al lavoro di Giorgio Albertini, Giovanni Gualdoni e Giuseppe Staffa, abbiamo un Orgoglio e pregiudizio zombie anche in Italia.
In realtà non è proprio la stessa cosa, ma andiamo per gradi.
Albertini, Gualdoni e Staffa non partono di un romanzo esistente "zombizzandolo", ma decidono di utilizzare per la loro trama un personaggio realmente esistito e fra i più affascinanti della nostra storia, un genio con pochi eguali in tutto il mondo, Leonardo da Vinci. E decidono di "zombizzare" alcuni episodi reali della nostra storia.

mercoledì 19 febbraio 2020

Dracula Untold

Se lo sarà immaginato Bram Stoker, quando inventò il personaggio di Dracula, che in futuro la sua idea sarebbe diventata oggetto di infinite rivisitazioni? E Vlad III di Valacchia, il personaggio storico realmente esistito, avrà mai pensato che avrebbe dato origine a un mito sempreverde ispirato alla sua persona?
Bram Stoker non ha inventato il mito del vampiro, mito presente in molte culture popolari sparse per il mondo e particolarmente presente nell'Europa dell'est, ma anche nel Mediterraneo, sopratutto in Grecia (si veda l'ottimo e documentatissimo volume Prima di Dracula. Archeologia del vampiro di Tommaso Braccini) e non è nemmeno stato il primo scrittore ad averne narrato le gesta (Dracula è del 1897, mentre Il vampiro di John Polidori è del 1819, scritto per gioco in una gara fra scrittori durante la quale Mary Shelley scrisse Frankestein, tratto da alcuni brani di Lord Byron e ispirato alla stessa vita dell'avventuroso poeta inglese, al quale fu inizialmente attribuito).

domenica 16 febbraio 2020

Presagi di tempesta


Quando Robert Jordan, l'autore della saga de La Ruota del Tempo, morì prematuramente nel settembre del 2007, lasciò nello sconforto tutti i suoi fan disseminati in tutto il pianeta. Oltre al dolore umano per la perdita, si univa il timore di non poter mai leggere la fine di questa lunga e bellissima saga fantasy, iniziata dal compianto Robert nel 1990 e giunta al volume numero 11 nel 2005. Mancava un solo romanzo alla conclusione quando nel 2006 Jordan dichiarò che gli era stata diagnosticata una rara malattia cardiaca che lo avrebbe portato in poco tempo alla morte. I medici gli diedero non più di quattro anni di vita, ma lo sfortunato scrittore di Charleston morì l'anno successivo, dopo aver iniziato una terapia sperimentale. Per la verità in Italia, come in altri stati del mondo, le pubblicazioni erano ancora in ritardo e ai tempi uscì Il sentiero dei pugnali, ottavo capitolo della serie.

lunedì 10 febbraio 2020

Il mio amico Nanuk

Il mio amico Nanuk è una pellicola del 2014, di produzione italo-canadese. Alla regia il canadese Roger Spottiswoode, autore di numerosi film, tra cui anche i noti Il senso giorno con Arnold Schwarzenegger e Il domani non muore mai della serie 007 con Pierce Brosnan e il documentarista italiano Brando Quilici, autore anche del soggetto.
Un po' di trama.
Siamo in Canada, in prossimità del Circolo Polare Artico, in una cittadina dove vive il tredicenne Luke. La madre, Madison, è una ricercatrice, che spesso si deve allontanare dal figlio per lavoro, mentre il padre è morto anni prima nel corso di una spedizione.

mercoledì 5 febbraio 2020

Maze runner: la rivelazione


Questo blog non era morto, tranquillizzo i milioni di utenti che lo seguono assiduamente. È che, semplicemente, quanto si fanno le cose a tempo perso e il tempo non c'è, non si riesce a fare nulla.
È così mi capita, ahimè, di celebrare la ripresa dei post con una pellicola che rientra nel recente filone della cinematografia cosiddetta young adult, per lo più tratta da romanzi del medesimo genere. Un genere che, tutto sommato, mi piace poco, ma che, avendo un figlio preadolescente, non posso ignorare.
Se devo essere sincero la trilogia di Maze runner, fra tutta questa paccottiglia young adult, è senza dubbio quella che mi è piaciuta di più.
Il primo film, Maze runner: il labirinto era stato quello più originale.