mercoledì 11 gennaio 2017

Venti di morte

Eccoci arrivati a Venti di Morte, settimo libro della lunga e innovativa saga fantasy dello scrittore canadese Steven Erikson Il Libro Malazan dei Caduti, il mio preferito (ma al momento sto terminando il nono e devo ancora leggere il decimo).
Con questo romanzo, che unisce la seconda linea narrativa (La Dimora Fantasma, La Casa delle Catene, I Cacciatori di Ossa) con la terza (Maree di Mezzanotte) inizia definitivamente la convergenza finale. Venti di Morte è un romanzo sostanzialmente diviso in due parti. Nella prima parte vediamo cos’è diventato l’Impero Letherii dopo la conquista dei Tiste Edur e nella seconda parte… arrivano i Cacciatori di Ossa Malazan…
La conquista dell’Impero da parte degli Edur non ha prodotto i risultati voluti, perché se la guerra è stata militarmente vinta dai Tiste seguaci di Padre Ombra, in realtà l’Impero Letherii è rimasto quello di sempre. Sono solo cambiati i vertici. Ora sul trono siede un Edur, l’ormai pazzo Rhulad Sengar, l’Imperatore dalle Mille Morti, colui che impugna la spada del Dio Storpio e grazie al Dio Storpio è ritornato dalla morte.
Ma l’Impero è di fatto ancora governato dai Letherii e non è stato particolarmente sconvolto dalla guerra. Rhulad è circondato dagli umani e gli altri Edur riescono a fatica ad avere contatti con lui. Anche l’ambizioso Hannan Mosag, sempre più corrotto anche nel fisico dal potere del Dio Storpio, non ha raggiunto nessuno dei suoi obbiettivi e si trova ai margini del potere. Mentre Rhulad è ormai impegnato unicamente a trovare un degno avversario che lo possa affrontare, il potere è praticamente nelle mani dell’umano Karos Invictad, che sta soffocando nel terrore ogni minima ipotesi di insurrezione. Nelle grinfie di Karos cade anche l’estroso, geniale, bizzarro e sfrontato Tehol Beddict.
Per garantire nuovi avversari per il loro Imperatore, i Tiste Edur si sono imbarcati alla ricerca di nuovi campioni provenienti da altri continenti. Così facendo, però, hanno attirato sul loro martoriato continente alcuni pericolosi soggetti come Icarium, Karsa Orlong e… tutti i Cacciatori di Ossa. I poteri che stanno convergento sul continente di Lether sono sempre più elevati. Non appena Icarium sbarca sul continente, la terra trema!
La parte del romanzo che ho preferito è la seconda, dove l’Aggiunto Tavore Paran ha diviso in due il suo esercito. Mentre i Cacciatori di Ossa che sono rimasti con lei attendono il colpo finale, i restanti, suddivisi in squadre composte da piccolissimi gruppi, hanno iniziato una capillare invasione che mira a evitare lo scontro diretto e sfinire la resistenza del già provato Impero di Lether, consumato dalla guerra che ha portato al potere i Tiste Edur e dalla ribellione del popolo degli Awl, ora guidati dalla misteriosa Maschera Rossa, un uomo che viene riconosciuto da due K’Chain Che Malle come Spada Mortale.
Nell’invasione dell’Impero da parte dei Malazan, Erikson riesce a dare il meglio di sé, raccontando tanti piccolissimi episodi che le squadre di Cacciatori di Ossa si trovano a dover affrontare. Fra questi ce n’è uno, quello del mago Beak, un uomo probabilmente ritardato, ma con capacità magiche, che mi ha fatto veramente venire i brividi, per come è stato scritto e per come si concluderà.
L’episodio migliore dell’intero romanzo vede protagonista il micidiale geniere Fiddler (Violinista nella nuova edizione, ma io sono affezionato al vecchio nome non tradotto) che, insieme al redivivo Hedge e al mago Ben lo Svelto (non a caso sono tutti e tre Arsori di Ponti), sui palazzi dell’assediata capitale dell’Impero affontano nientemeno che il Soletaken Silchas Ruin nella forma di un gigantesco drago bianco. Una delle immagini che più mi rimarrà in mente di tutto il romanzo e forse dell’intera saga è quella che vede Fiddler in piedi con la sua micidiale balestra lanciagranate Moranth su una spalla, che guarda un Silchas Ruin mal ridotto e in fuga e dice “Non è la tua battaglia, fottuto bastardo“.
C’è da dire che ormai Erikson ha raggiunto la piena e totale “maturità” di quello che è ormai chiaramente riconoscibile come il suo stile unico e insolito. Le descrizioni sono spesso limitate e scarne, per far spazio ai dialoghi fra i personaggi e anche ai loro pensieri. In ogni capitolo si salta da una trama all’altra e da una personaggio all’altro, senz’avere mai dei veri protagonisti e con i salti della narrazione cambiano anche i punti di vista. Gli eventi che si succedono non sono solo fini a sé stessi o alla trama del romanzo o della saga, ma servono per dar voce alle considerazioni di Erikson sulla vita, sull’amicizia, sulle guerre, ecc. L’approccio è volutamente criptico e a volte enigmatico, con i nomi dei soggetti principali di ogni singola narrazione che vengono svelati molto spesso solamente dopo parecchie righe e a volte anche dopo pagine intere. E la macrotrama principale, talmente ingarbugliata e legata alle innumerevoli sottotrame e microtrame che viene svelata a piccoli pezzetti, inducendo il lettore a formulare teorie su teorie.
Venti di Morte, come tutti i libri di Erikson, è un romanzo che contiene un inizio e una sua fine, ma è anche un romanzo che prepara al gran finale, che occuperà il nono e il decimo romanzo. Prima, però, occorre terminare alcune delle vicende rimaste in sospeso sul continente di Genabackis.
Io ho letto la vecchia edizione, quella della vecchia Armenia, divisa in due distinti volumi e ho rilevato dei fastidiosi errori di traduzione, per quanto le traduttrici siano sempre le stesse dei volumi precedenti. Ad esempio alcuni personaggi che hanno un nome non di fantasia, ma vengono chiamati attraverso un soprannome che corrisponde a una parola esistente, sono stati tradotti nei romanzi precedenti e non tradotti i questo. Un’altra scelta discutibile è quella della traduzione della parola sapper. Negli eserciti Malazan spesso compaiono queste figure, i sapper e alcuni dei personaggi più riusciti, come la micidiale coppia Hedge e Fiddler ne fanno parte. Cosa sono i sapper? In italiano è possibile tradurre la parola in tre modi diversi: zappatore, geniere e guastatore. Nei primi romanzi è stata scelta la parola zappatore che, in italiano, corrisponde a quel tipo di soldato che fa parte del genio militare e che è specializzato nello scavare trincee (quindi sono quelli che vanno sul campo di battaglia quando le trincee non ci sono ancora e non sono protetti) o a distruggere le fortificazioni nemiche con la costruzione di gallerie sotterranee. Calza a pennello con i sapper dell’esercito Malazan. I sapper di Erikson sono proprio questo. Poi a un certo punto hanno iniziato a utilizzare le mine e le munizioni Moranth. Eventualmente si potrebbe tradurre anche con guastatori, soprattutto considerato ciò che sono diventati. Genieri è quella, delle tre, che calza di meno. Comunque sia, nella prima edizione, questa parola è stata tradotta, a partire da questo romanzo, con genieri. La parola genieri è rimasta anche nei successivi romanzi della nuova edizione. Capisco che tradurre migliaia di pagine non sia semplice, ma i molti percepibili errori sono piuttosto fastidiosi.

Nessun commento:

Posta un commento